Dalla Roubaix alla nazionale: Franco Ballerini

Il 26 gennaio 2008, l’indimenticato Franco Ballerini, commissario tecnico della nazionale italiana è stato protagonista di uno degli  incontri “Storie di Ciclismo” che portano i più grandi campioni al Museo del Ghisallo a raccontare le proprie imprese e le proprie carriere.

Franco Ballerini (Firenze, 1964) Professionista dal 1986 al 2001, si “innamora” della classica  Parigi-Roubaix, alla quale partecipò per la prima volta nel 1989, cui di fatto ha dedicato la sua carriera riuscendo a vincerla per due volte, nel 1995 e nel 1998, dopo che già nel 1993 si era visto soffiare la vittoria in  volata dal sottovalutato francese Duclos-Lassalle.

Complessivamente, oltre  alle due affermazioni, “Ballero” ha collezionato alla Parigi-Roubaix un secondo posto, un terzo, un quinto e un sesto.  Sfruttando le sue eccezionali doti di passista ha collezionato altre prestigiose vittorie e tra queste la tappa di Morbegno del Giro del 1991 , la Tre Valli Varesine nel 1987, la Parigi-Bruxelles del 1990,  il Giro di Campania del 1990 e l’ Het Volk del 1995.

Dal 2001 guida la Nazionale Italiana Professionisti, dimostrando competenza e grande personalità nel fare delle scelte qualche volta contestate ma sempre risultate vincenti. Ha portato al successo  Mario Cipollini  al Campionato del Mondo di Zolder (2002), Paolo Bettini alle Olimpiadi di Atene  (2004), ed ancora Bettini al Mondiale di Salisburgo  (2006) e a quello di Stoccarda (2007).

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *